Abbiamo tutti commesso il fastidioso errore di chiudere accidentalmente le schede e le finestre del browser Chrome. È particolarmente difficile aspettare che Chrome si ricarichi: ci vuole più tempo a seconda della tua rete e del peso delle tue pagine web. I dispositivi di spegnimento accidentale non dovranno più preoccuparsi, poiché Google fa un ottimo “trucco di magia” per rimuovere il tempo trascorso in attesa che Chrome ricarichi le tue schede.

abbiamo scoperto tre il nuovo commettere In Chromium Gerrit che lavorano insieme per caricare le schede Chrome chiuse di recente in un istante. Ti aiuta a rimetterti in piedi subito nel caso in cui chiudi accidentalmente le tue schede, a patto che le ripristini subito. La bandiera di Chrome non si è ancora fatta strada nel Canary Channel, il che è una chiara indicazione che l’ottimizzazione non è ancora pronta per i test al momento.

Uno dei tre commit che Chrome consente di memorizzare nella cache le schede chiuse.

Il codice di sottolineatura che alimenta questa funzione funziona in modo simile alla cache back-forward di Chrome (BFcache), che è il modo in cui Google carica una pagina Web immediatamente quando vengono utilizzati i pulsanti avanti e indietro del browser. Quando un utente perde il pulsante di chiusura della scheda, Chrome non cancellerà immediatamente la pagina dalla sua memoria. Se la persona recupera la scheda entro 15 secondi, Chrome estrae i dati dalla cache invece di ricaricare la pagina Web, dando l’impressione di un caricamento istantaneo. È come se non ti fossi mai perso un pulsante di chiusura: una grande vittoria per un’esperienza di navigazione web positiva. Non è chiaro come Chrome memorizzerà nella cache le schede chiuse sotto pressione della memoria, ma pensiamo che Google caricherà parzialmente alcune schede istantanee (al contrario di tutte).

READ  Puoi estrarre Bitcoin su Game Boy, ma probabilmente non dovresti

Se questa funzione ti è familiare, è perché il concetto non è del tutto nuovo. Come mostrato in Documenti pubblici di Google dell’anno scorsoChrome per Android ha già il suo modo di memorizzare nella cache le schede chiuse, sebbene di base rispetto al miglioramento imminente (non blocca la pagina per ridurre l’utilizzo della CPU). Per il desktop, la memorizzazione nella cache delle schede chiuse di recente ha molto senso, soprattutto quando le persone di solito hanno molte schede aperte. È sicuramente una caratteristica che io e gli altri apprezzeremo e non vedo l’ora di testarla nei prossimi aggiornamenti di Canary Channel.