Le città austriache sono luoghi attraenti in cui vivere e lavorare. La fornitura di posti di lavoro e servizi di interesse pubblico è “di solito nel dominio medio-alto o anche nel dominio superiore” nell’Unione europea, come mostra l’analisi di WIIW. Soprattutto i costi dei trasporti pubblici, dell’acqua, dell’energia e soprattutto degli alloggi sono bassi rispetto alla spesa totale. Ciò lascia molti più soldi per l’intrattenimento e la cultura in Austria rispetto ad altre città.

Quando si tratta di assistenza alla prima infanzia, le città austriache sono a centrocampo europeo e Vienna è nel terzo superiore. Quando si parla di densità dei letti ospedalieri, le grandi città austriache sono tra le città leader e Vienna è nella media europea. Il trasporto pubblico nelle grandi città austriache è considerato “un buon centrocampo europeo”, ma se si considerano i costi inferiori, le città austriache funzionano “molto bene”.

Secondo il rapporto WIIW, la qualità degli appartamenti in termini di spazio abitativo è relativamente alta rispetto ad altre città europee. Il fatto che i costi degli alloggi in Austria siano relativamente bassi è dovuto al “generoso sistema di stato sociale combinato con un mercato degli alloggi meno commerciale e una politica di edilizia sociale attiva”. I costi degli alloggi per i residenti delle città austriache sono inferiori di oltre un terzo rispetto a quelli per i residenti delle grandi città tedesche. Al contrario, gli abitanti delle città austriache possono consumare più del 5% delle attività ricreative e spendere più del 13% nei ristoranti.

READ  Gli Uffizi italiani aprono la memoria di Dante con una mostra virtuale | divertimento

Il “più drammatico” è il confronto con le grandi città italiane, dove c’è un sistema di welfare state minore, un mercato immobiliare commerciale e quasi nessuna edilizia sociale. Rispetto alle città italiane, gli abitanti delle città austriache hanno costi abitativi inferiori di quasi un terzo e possono spendere quasi tre volte di più in intrattenimento e cultura e oltre il 60% in ristoranti e hotel.

Il WIIW conclude dai risultati del suo studio che l’edilizia abitativa cooperativa e di comunità deve essere ampliata per mantenere bassi i costi degli alloggi nel lungo periodo. Ciò vale anche per l’espansione del trasporto pubblico e dell’assistenza sanitaria. WIIW vede un “potenziale di miglioramento” nell’istruzione (prima infanzia), poiché le città locali non sono attualmente nel primo gruppo.

Da: apa